Analisi delle Holding nel Bilancio al 31 dicembre 2023

ditta-individuale-o-srl-unipersonale-pro-e-contro

Data
19.05.2024

Autore
Matteo Rinaldi

Nel contesto dei Bilanci al 31 dicembre 2023, le Holding necessitano di un’analisi scrupolosa, sia sotto il profilo civilistico che fiscale. Questo include un’esame dettagliato delle Holding che gestiscono partecipazioni e dei requisiti specifici che ne derivano.

IL BILANCIO 2023 E LE HOLDING: ANALISI E VERIFICHE NECESSARIE

Nel delineare i Bilanci di Esecizio al 31 dicembre 2023, è fondamentale concentrarsi sulle Holding e le loro partecipazioni. Queste valutazioni riguardano aspetti legali e fiscali che non vanno trascurati.

Per le Holding, l’analisi della loro classificazione come “enti di investimento” o più comunemente “imprese di partecipazione finanziaria” è imprescindibile. Queste ultime sono escluse dagli alleggerimenti contabili riservati alle micro imprese come descritto nell’art. 2435-ter comma 5 c.c., e dunque devono predisporre sia la Nota integrativa sia la Relazione sulla gestione.

Le “imprese di partecipazione finanziaria” sono definite nell’art. 2, n. 15, della direttiva 2013/34/UE come le imprese che si occupano esclusivamente di acquisire partecipazioni e di gestirne il valore senza interferenze dirette o indirette nella gestione delle società partecipate.

Importante è poi distinguere tra Holding statiche, che possiedono partecipazioni e partecipano alle assemblee dei soci esercitando diritti di voto senza influenzare le decisioni delle società partecipate, e Holding attive, che offrono servizi alle società partecipate e che possono beneficiare delle semplificazioni per le micro imprese. Invece, le Holding miste svolgono altre attività oltre alla detenzione di partecipazioni, come la gestione immobiliare.

Fiscalmente parlando, le distinzioni seguono altri criteri. L’articolo 162-bis del TUIR, invariato dalla riforma fiscale in corso, regolamenta le “società di partecipazione” distinguendo tra finanziarie e non finanziarie in base alla natura dell’attività delle partecipate.

CHIARIMENTO DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

Secondo quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 40/2021, l’analisi per definire una Holding srl si articola in due passaggi fondamentali:

– Per iniziare, si esamina se il valore globale delle partecipazioni supera il 50% dell’attivo dell’azienda; se il risultato è affermativo, la Holding si configura come società di partecipazione ai sensi dell’articolo 162-bis del TUIR;

– Successivamente, si valuta se la società ricade nella categoria delle Holding finanziarie o industriale, determinando quale gruppo di partecipazioni prevale (considerando il numero delle partecipazioni detenute, non la proporzione dell’attivo totale).

Ad esempio, se il patrimonio totale di una società ammonta a 400.000€, composto da partecipazioni finanziarie per 120.000€, partecipazioni industriali per 170.000€ e altre attività per 110.000€:

– La società viene classificata come società di partecipazione (dato che le partecipazioni totalizzano 290.000€, oltre il 50% dell’attivo);

– In particolare, essa è identificata come una società di partecipazione non finanziaria, avendo una maggiore incidenza delle partecipazioni in società industriali, anche se rappresentano meno della metà dell’attivo complessivo.

Per eseguire correttamente i test descritti, si devono considerare unicamente le partecipazioni iscritte tra le immobilizzazioni finanziarie, includendo, secondo l’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate (rif. risposte a interpello n. 266/2021 e n. 363/2021), anche quelle partecipazioni trasferite all’attivo circolante in previsione della loro liquidazione; il valore da prendere in considerazione è quello di bilancio, eventualmente modificato da svalutazioni o rivalutazioni.

Leggi anche: Holding: adempimenti comunicativi

Ogni categoria di società delineata dall’articolo 162-bis del TUIR presenta un insieme di normative fiscali specifiche, a cui la relativa Holding deve aderire. Questo comporta alcune complicazioni, dal momento che i test menzionati devono essere ripetuti ogni anno, potendo portare a un cambiamento nella qualificazione fiscale della società nel tempo.

È importante anche ricordare che le definizioni di Holding in ambito giuridico e fiscale operano su livelli completamente distinti. Di conseguenza, una classica Holding familiare che detiene partecipazioni in società operative potrebbe essere definita come un’impresa di partecipazione finanziaria a livello giuridico e come una società di partecipazione non finanziaria a livello fiscale.

Questo apparente paradosso si spiega con le diverse finalità delle norme applicate: da un lato individuare schemi di bilancio e criteri di valutazione, e dall’altro definire le regole fiscali sostanziali (come l’IRAP) e gli obblighi accessori (quali le comunicazioni all’Anagrafe tributaria).

Fonte articolo: Eutekne

IN CONCLUSIONE

Per le Holding, l’analisi approfondita dell’oggetto sociale, dello statuto e dei codici ateco, sono un passo imprescindibile, così come lo è il calcolo del Test di prevalenza, per delineare in modo accurato gli obblighi tributari sopra esposti.

Risulta, perciò, di vitale importanza per le Holding avvalersi di esperti qualificati per interpretare e applicare le norme con precisione, assicurando una corretta comunicazione con l’Amministrazione Finanziaria e la gestione degli adempimenti all’Anagrafe Rapporti in maniera efficace e in regola con la legge.

Queste procedure si inseriscono in un contesto normativo complesso, che stabilisce molteplici termini e doveri per le imprese, mirando a promuovere la trasparenza e l’integrità nelle attività economico-finanziarie. Le Holding sono tenute a monitorare con attenzione gli adempimenti fiscali, per prevenire penalità e consolidare un rapporto solido e corretto con l’Agenzia delle Entrate.

PERCHÉ LE PMI PREFERISCONO LA NOSTRA ESPERIENZA

La scelta di affidarsi alla nostra esperienza per creare nella costituzione di una Holding nelle varie forme nasce, in primo luogo, dal desiderio delle PMI (Piccole e Medie Imprese) di proteggere il proprio patrimonio aziendale. Questa esigenza si manifesta in diversi modi: dalla salvaguardia contro i potenziali rischi d’impresa alla prevenzione di complicazioni legate a questioni personali, familiari, successorie e fiscali. La Holding diventa quindi un strumento strategico non solo per la Pianificazione Patrimoniale, ma anche come baluardo per la continuità aziendale nel tempo.

 

La distinzione della nostra consulenza risiede nell’approccio “orientato al risultato”. Questo non significa semplicemente adempiere ai doveri con diligenza, ma andare oltre. Lavoriamo con l’obiettivo di raggiungere risultati concreti e realistici, che rispecchino le ambizioni e le necessità dell’imprenditore e della propria famiglia. Il nostro impegno si traduce in un’analisi approfondita delle esigenze dell’imprenditore e nella ricerca delle migliori soluzioni per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Non ci accontentiamo della mediocrità; anzi, ci impegniamo attivamente per trovare le strategie più efficaci ed efficienti.

L’etica professionale e l’impegno verso i nostri clienti sono al centro della nostra filosofia di lavoro. Per noi, assistere un’impresa nella costituzione di una Holding è più di un semplice incarico: è un obbligo morale…!

Siamo convinti che proteggere il patrimonio di un’azienda significhi anche dare un contributo significativo alla vita delle persone che ne fanno parte. Questo ci motiva a offrire sempre il meglio, consapevoli del fatto che il nostro lavoro ha un impatto reale sul futuro delle imprese e, di conseguenza, sulla società nel suo insieme.

Bene, sei alla ricerca di una consulenza esperta? Non esitare a contattarci. Matteo Rinaldi, con la sua profonda esperienza nel settore, è pronto ad ascoltarti e a fornirti il supporto necessario. La nostra priorità è affiancarti in ogni passaggio, risolvendo qualsiasi dubbio tu possa avere e guidandoti verso il successo.

Investendo soltanto 300€ + IVA per un incontro di consulenza di 60 minuti, gli imprenditori e famiglie possono beneficiare di soluzioni personalizzate, perfettamente calibrate alle necessità concrete, e possono progettare piani d’azione confezionati su misura per evitare percorsi standardizzati e inadeguati.

 

Scopri il servizio

 

GLI SPECIALISTI QUALIFICATI PER FAR CRESCERE IL TUO BUSINESS

METTIAMOCI IN CONTATTO

Vuoi ricevere una Consulenza Strategica da Matteo Rinaldi? Desideri costituire una Holding o una Società Semplice? Ti serve assistenza per un’operazione Finanziaria o sul Capitale per la tua Azienda?
Per queste o altre necessità puoi contattarci al +39 02 87348349 oppure compilando il modulo di contatto sottostante scrivendo un messaggio quanto più possibile esplicativo. Ti ricontatteremo il prima possibile.

7 + 10 =

Apri chat
💬 Hai bisogno di aiuto?
Ciao 👋
Come possiamo aiutarti?