STRUMENTI DI PROTEZIONE E PASSAGGIO DEL PATRIMONIO: LE POLIZZE UNIT LINKED

Analisi di Bilancio

Data
24.11.2023

Autore
Matteo Rinaldi

Le polizze Unit Linked sono strumenti assicurativi che destano un interesse particolare sia dal punto di vista giuridico che fiscale. Questi strumenti, integrano una combinazione unica di elementi finanziari e previdenziali all’interno dello stesso contratto. Sfruttando appieno questa doppia natura, le polizze Unit Linked offrono un’opportunità eccezionale per la protezione e la trasmissione del proprio patrimonio in modo innovativo.

 

POLIZZE UNIT LINKED: OCCASIONE ECCEZIONALE PER PROTEGGERE E TRASMETTERE IL TUO PATRIMONIO IN MODO INNOVATIVO

Le polizze Unit Linked sono strumenti assicurativi che presentano un interesse particolare dal punto di vista giuridico e fiscale. All’interno dello stesso contratto, la combinazione di diverse cause può portare, a seconda dei casi, a un prevalere dell’aspetto finanziario rispetto a quello previdenziale, con conseguenze sia legali che tributarie.

Questi presupposti normativi hanno favorito l’utilizzo frequente delle Unit Linked nel contesto successorio e nella protezione del patrimonio, ma hanno anche richiamato l’attenzione dell’amministrazione finanziaria sulle possibili situazioni di abuso di questo strumento. Pertanto, è fondamentale tenere presente le diverse pronunce giurisprudenziali al momento di stipulare un contratto assicurativo con tali caratteristiche.

ASPETTI LEGALI E FISCALI

Una polizza Unit Linked è un contratto assicurativo sulla durata della vita umana che offre prestazioni in forma variabile. Questo tipo di polizza rientra nel ramo III delle polizze vita, come definito dall’art. 2 del D.lgs. 209/2005. Ciò significa che le prestazioni principali della polizza sono collegate al valore di organismi di investimento collettivo del risparmio, fondi interni, indici o altri valori di riferimento.

Un aspetto peculiare delle polizze Unit Linked è la tutela garantita dall’art. 1923 del Codice civile, che rende le attività unit linked non pignorabili. Dal punto di vista fiscale, manca una norma di definizione generale degli strumenti assicurativi. Tuttavia, l’art. 44 del Tuir classifica come redditi di capitale i redditi derivanti dai contratti di assicurazione sulla vita. Inoltre, l’art. 34 del DPR 601/1973 prevede l’esenzione dall’imposta sul reddito delle persone fisiche per i capitali percepiti in caso di morte in dipendenza di assicurazioni sulla vita. Le modifiche introdotte dalla Legge 190/2015 hanno stabilito che solo le somme percepite in eccesso rispetto al rischio demografico siano soggette a tassazione come reddito di capitale.

Pertanto, si ha una tassazione mista che tiene conto della componente finanziaria delle polizze unit linked. È importante anche considerare l’esclusione dall’attivo ereditario delle indennità spettanti agli eredi in virtù di assicurazioni previdenziali obbligatorie o stipulate dal defunto. L’inquadramento delle somme percepite in forza di polizze sulla vita come redditi di capitale offre la possibilità di ottimizzare il carico fiscale, evitando ritenute di imposta o di acconto sui proventi e permettendo la compensazione tra forme reddituali diverse. È possibile applicare l’imposta sostitutiva anche a proventi finanziari che altrimenti scontano l’aliquota marginale Irpef.

POLIZZE UNIT LINKED: GUIDA COMPLETA ALL’INTERPRETAZIONE DELLO STRUMENTO ASSICURATIVO

Le polizze Unit Linked sono uno strumento assicurativo che, purtroppo, negli ultimi anni ha subito un uso improprio e abusivo, portando alle attenzioni delle autorità e all’attivazione di meccanismi sanzionatori. Sia l’UIF (Ufficio di informazione finanziaria) che l’amministrazione finanziaria hanno intensificato i controlli su queste polizze, spesso utilizzate per fini di riciclaggio o dissimulazione della proprietà effettiva. Inoltre, l’Agenzia delle Entrate ha attribuito rilevanza reddituale ai riscatti delle polizze previdenziali, analizzando i titoli sottostanti in caso di polizze finanziarie. È fondamentale comprendere appieno le implicazioni di questo strumento assicurativo per evitare possibili conseguenze legali e finanziarie.

Con la Circolare 10/E del 13 marzo 2015, l’Agenzia sottolineava l’opportunità di utilizzare la procedura di collaborazione volontaria per regolarizzare il proprio rapporto presso una banca estera, evitando così prassi distortive come l’intestazione ad una società localizzata in un Paese black list o la mascheratura sotto forma di polizza assicurativa estera. La polizza unit linked, se utilizzata correttamente, rappresenta uno strumento di protezione e passaggio del patrimonio da considerare con attenzione al momento della pianificazione.

La giurisprudenza, attraverso le proprie analisi, ha dimostrato un maggiore interesse nei confronti dei aspetti contrattuali che attribuiscono una maggiore importanza alla componente previdenziale rispetto a quella finanziaria. In effetti, la Cassazione, sezione I Civile, con l’ordinanza del 6 maggio 2016, ha invitato i giudici ad esaminare attentamente i singoli contratti e a interpretarli correttamente, come previsto dall’articolo 1362 del Codice Civile e successivi, al fine di determinare se il contratto, al di là del nome che gli viene attribuito, possa essere identificato come una polizza assicurativa sulla vita, in cui il rischio derivante da un evento legato all’esistenza dell’assicurato viene assunto dall’assicuratore.

In questo senso, la sentenza del Tribunale di Mantova, emessa il 15 giugno 2016, è estremamente rilevante, poiché afferma che un prodotto assicurativo può legittimamente avere una componente esclusivamente o quasi finanziaria, pur mantenendo l’integrità degli interessi sottostanti. Questa pronuncia, insieme ad altre simili, si allinea a quanto affermato dalla Corte di giustizia dell’Unione Europea con la sentenza del 1° marzo 2012 (c-166-11), secondo cui le polizze unit linked devono essere comunque considerate come parte delle polizze vita, nonostante gli elementi finanziari, a meno che non vi sia una specifica previsione di legge che le definisca come contratti di intermediazione finanziaria.

UNA GARANZIA PER IL TUO PATRIMONIO: IMPIGNORABILITÀ

La questione dell’applicabilità dell’articolo 1923 del Codice civile alle polizze Unit Linked e della loro impignorabilità ha dato luogo a diverse sentenze. Tuttavia, la Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con la Sentenza n. 8271 del 31 marzo 2008, ha fornito una sintesi degli orientamenti giurisprudenziali, stabilendo che quando il contratto assolve alla funzione previdenziale, la norma civilistica in questione è sempre applicabile. Nonostante ciò, alcuni Tribunali, tra cui Milano e Parma, si sono pronunciati successivamente a favore della sequestrabilità, considerando che in taluni casi la prestazione di pagamento di una somma di denaro assume una funzione primaria rispetto a quella previdenziale, che appare invece del tutto secondaria.

Un altro aspetto rilevante riguarda la questione del trasferimento effettivo del rischio all’assicuratore. L’elemento previdenziale diventa fondamentale quando il rischio legato alla mancata restituzione del capitale o al mancato rendimento diventa rilevante. Tuttavia, la presenza di garanzie su un capitale minimo sembra essere sufficiente per mantenere la funzione previdenziale delle polizze Unit Linked o Index Linked, evitando che vengano considerate solo come strumenti finanziari.

Alcuni, come nel caso del Tribunale di Roma, hanno riconosciuto l’esistenza di un rischio sempre presente per l’assicuratore legato al rischio demografico da un lato e al riscatto anticipato dall’altro. È evidente che la sottoscrizione di una polizza con rendimento e restituzione del capitale interamente soggetti al rischio di performance finanziaria richiede una particolare attenzione da parte del sottoscrittore per non perdere di vista gli aspetti essenziali di questo strumento di protezione e passaggio del patrimonio.

CONCLUSIONI

Le polizze Unit Linked sono strumenti finanziari che offrono vantaggi fiscali e legali di grande interesse, ma è importante che la loro finalità previdenziale rimanga prioritaria rispetto ad altri obiettivi.

La polizza dovrebbe essere concepita e sottoscritta principalmente per la protezione assicurativa sulla vita, senza scopi dissimulatori o sfruttamenti di vantaggi fiscali. Alcuni elementi importanti da considerare sono l’età dell’assicurato, che non dovrebbe essere troppo avanzata, e la durata della polizza, che dovrebbe essere in linea con la vita del contraente. Situazioni che vanno contro questi criteri fondamentali possono mettere a rischio il sottoscrittore, indicando una mancanza di reali finalità previdenziali e una presenza di intenti puramente speculativi o secondari.

LA NOSTRA SFIDA IMPRENDITORIALE PER PROTEGGERE IL TUO PATRIMONIO

Siamo qui per aiutarti a garantirti il massimo vantaggio per la tua attività, proteggendo nel contempo il futuro della tua impresa attraverso strumenti societari idonei a tutelare i tuo patrimonio aziendale, ottimizzare la fiscalità finanziaria, la pianificazione patrimoniale e passaggio generazionale. Affidarsi a consulenti esperti farà la differenza nel minimizzare i rischi potenziali. Ma non è tutto! Ci dedichiamo anche alla protezione del tuo patrimonio familiare. Vogliamo conoscere a fondo le caratteristiche uniche della tua azienda e della tua famiglia, perché sappiamo che il successo non arriva per caso, ma è il risultato di investimenti, sacrifici e determinazione. Affronteremo insieme a te ogni fase di questo complesso processo, garantendo la tutela dei tuoi interessi, persino durante il delicato momento della successione generazionale. Il nostro obiettivo è offrirti le migliori soluzioni per proteggere il tuo patrimonio e assicurarti un futuro sereno per te e la tua famiglia.

A oggi, Matteo Rinaldi è il professionista di riferimento italiano più accreditato e riconosciuto per le costituzioni di Holding. Siamo qui per offrirti la nostra assistenza nella scelta della soluzione migliore per la costituzione della tua Holding o per eventuali riorganizzazioni del tuo gruppo aziendale, tenendo sempre in considerazione la pianificazione del passaggio generazionale e l’analisi degli strumenti di fiscalità. Inoltre, effettueremo con precisione tutte le operazioni straordinarie come scissioni, fusioni e conferimenti, valutazioni aziendali, anche attraverso l’ingresso nella compagine societaria di investitori.

La nostra esperienza si estende anche alla stesura e alla revisione degli statuti delle società operative del tuo gruppo, inclusa la redazione dei contratti tra la Holding e le controllate. Infine, offriremo un’assistenza completa anche dopo la costituzione della tua Holding.

RICHIEDI UNA CONSULENZA PERSONALIZZATA

Richiedi oggi stesso una consulenza personalizzata, perché prima di prendere decisioni importanti come la costituzione di un nuovo “modello societario”, è fondamentale esaminare attentamente le diverse opzioni che meglio si adattano alla tua situazione specifica. Potrai valutare in modo approfondito le varie forme societarie più adatte, nonché le migliori strategie per la gestione economica, finanziaria e fiscale. Avrai inoltre l’opportunità di esplorare gli strumenti di fiscalità finanziaria, pianificazione patrimoniale e passaggio generazionale, oltre ai necessari processi organizzativi per il nuovo gruppo societario.

Affidati a professionisti esperti che ti accompagneranno nella scelta migliore, occupandosi dei dettagli e garantendo la tua tranquillità. La consulenza prevede un’analisi della documentazione societaria e una consulenza remota della durata di un’ora a soli € 300,00 più IVA, durante la quale scoprirai come proteggere il tuo patrimonio, riducendo al minimo i rischi aziendali e personali. Riceverai anche preziose strategie per ottenere la tranquillità che meriti.

Come ha affermato Bill Gates, “il costo della consulenza è spesso il miglior investimento…”.

IL TUO RIFERIMENTO PER LA PIANIFICAZIONE E PROTEZIONE PATRIMONIALE

ESP SOCIETA’ BENEFIT, guidata da Matteo Rinaldi è una società di consulenza specializzata in una vasta gamma di strumenti per la Pianificazione e Protezione Patrimoniale, tra cui le Holding italiane ed estere, Fondo Patrimoniale, l’Intestazione Fiduciaria, le Polizze Assicurative, i Patti di Famiglia, gli Atti di Destinazione ai sensi dell’art. 2645 ter del Codice civile, le Fondazioni, i Trust, la Legge “Dopo di Noi” e i Negozi di Affidamento Fiduciario.

Con un approccio personalizzato, incontriamo gli imprenditori presso le loro sedi aziendali in tutta Italia, o vi accogliamo nella nostra sede nel centro di Milano in Via Monte Napoleone, 8.

Siamo un team di esperti strategisti, pronti a lavorare al tuo fianco come partner di fiducia per realizzare i tuoi sogni imprenditoriali e personali. Proteggiamo il tuo patrimonio familiare e garantiamo la tranquillità della tua azienda.

METTIAMOCI IN CONTATTO

Vuoi ricevere una Consulenza Strategica da Matteo Rinaldi? Desideri costituire una Holding o una Società Semplice? Ti serve assistenza per un’operazione Finanziaria o sul Capitale per la tua Azienda?
Per queste o altre necessità puoi contattarci al +39 02 87348349 oppure compilando il modulo di contatto sottostante scrivendo un messaggio quanto più possibile esplicativo. Ti ricontatteremo il prima possibile.

13 + 15 =

Apri chat
💬 Hai bisogno di aiuto?
Ciao 👋
Come possiamo aiutarti?